venerdì 20 gennaio 2012

4. Unmarilyned




Eravamo sdraiati su un prato. Il sole stava tostando le mie palpebre chiuse, schiarendo i baffetti che mi sarei tolta con le pinzette una volta tornata a casa da Charlie. Edward carezzava i miei capelli, accennando una canzone che non avevo mai sentito.
«Voglio averti qui vicino... voglio stringerti un pochino... dove sei?».
Quella canzone parlava di noi.
L’abbraccio freddo del vampiro mi riscaldava come non avevano fatto cento di mia madre.
«Edward» sussurrai, mentre girandomi cercai un suo bacio. «Quando mi trasformerai in vampiro per fare del sano fiki-fiki?»
«Quando entrerai nuovamente nella vergine di Norimberga!» rispose una voce che non gli apparteneva.
Sgranai gli occhi terrorizzata. Il Dottor House mi stava tenendo a sé, in un abbraccio che non aveva più nulla della tenerezza di Edward.
«Tu non sei come noi» mi disse digrignando i denti come avevo visto fare solo a Jacob sotto forma di lupo.
Roteai gli occhi, cercando di divincolarmi, quando lo vidi. In lontananza. Come sospeso.
A qualche metro da noi, Harry Potter ci osservava con un’espressione impenetrabile. Ricambiai il suo sguardo, mentre il medico aveva iniziato a cospargermi le natiche – improvvisamente scoperte – di olio e arance.
Non volevo che mi vedesse così.

Poi, un urlo nel buio.

Ero da poche ore scivolata nel tiepido abbraccio del Sonno, quando mi ritrovai a fissare il soffitto della sala comune del mio dormitorio, perfettamente vigile. Mi misi velocemente a sedere davanti al fuoco, ignorando i muscoli che mi ricordavano che mi ero addormentata sul divano.
A passi lenti mi diressi verso le scale a chiocciola, cercando di lavare via il ricordo dell’incubo appena fatto con un massaggio alle tempie. Asciugai un rivolo di bava che mi era scivolato lungo il collo e buttai giù un sorso di blumele. Avevo appena iniziato a salire i gradini per andare a coricarmi a letto, quando lo sentii di nuovo: un altro urlo, stavolta più vicino.
Mi bloccai stringendo il ferro della balaustra, incapace di respirare.
Silenzio.
Senza pensarci troppo, mi fiondai verso la parete scorrevole del mio dormitorio, quella comunicante con i bagni i maschili. Attaccai l’orecchio contro la pietra cercando di captare qualche altro suono.
Colsi una voce ovattata: sembrava appartenere ad un uomo che stava discutendo animatamente con qualcuno. Rimasi con l’orecchio teso, cercando di captare qualche parola, ma la parete spessa aveva insonorizzato quasi completamente l’altra stanza.
Poi, le due voci si allontanarono.
«Ok» feci a me stessa, incamerando più aria possibile; quindi, lasciai che la parete scorresse, dandomi accesso al bagno.
Silenziosa come un gatto scivolai dentro il box e sbirciai dalla porta socchiusa.
Chiunque stesse parlando, si stava dirigendo lontano dal bagno. Riuscivo a sentirne chiaramente i passi.
Il pericolo mi aveva sempre attratta. Ricordai quando, pur di vedere il volto del mio amato, mi ero buttata da una scogliera, rischiando di morire sfracellata sulle rocce.
Spinta dalla stessa carica di adrenalina, abbandonai il bagno dei maschi e seguii l’eco dei loro passi.

A piedi nudi calpestai una pozza di piscio, il cui olezzo mi impregnò le narici, accompagnandomi fino al gelido labirinto dei sotterranei del castello. Dove diamine stavano andando? Di cosa stavano discutendo?
Faticavo a stargli dietro, le gambe mi facevano ancora male. Feci uno sforzo ulteriore e sentii l’adrenalina tornare a scorrere nelle vene, quando le loro voci riacquistarono volume: mi stavo avvicinando.
Le fiaccole del corridoio proibito erano state spente da Gargamella, il custode della scuola.
Dannazione, pensai, continuando a farmi strada a tentoni.
Ormai ero vicinissima, di lì a breve sarei riuscita a vedere i bagliori delle loro bacchette.
Clang!!
Rimasi paralizzata, lasciando che il rumore dell’armatura che avevo appena spinto inavvertitamente, finisse di echeggiare nel buio. Il vociare dei due si interruppe insieme al rumore dei loro passi.
«Chi è?» fece una voce maschile che avevo già sentito.
Il rappresentante di Grifondoro, il professor Oscar Wilde spuntò dietro l’angolo che non ero riuscita a vedere. Il professore alzò la bacchetta nella mia direzione, per farsi luce.
Istintivamente mi appiattii contro il muro, il tempo di incrociare il suo sguardo e sentire il mio cuore perdere un colpo.
Mi aveva visto, ne ero sicura.
«Oscar, che succede?»
Una ragazza che non avevo mai visto comparve al suo fianco. Aveva i capelli biondi e vestiva gli abiti di una metallara sexy.
«Strano... ero convinto che qualcuno ci stesse seguendo dai bagni.»
Trattenni il respiro. Perché mi sta coprendo?
Il professore cinse la spalla della ragazza e sparì nuovamente dietro l’angolo.
Cercando di non fare ulteriore rumore, mi avviai velocemente verso il mio dormitorio.
Aspetta, Bella.
Qualcosa dentro di me mi fece fermare nel buio. Potevo ancora sentire i passi dei due. Se avessi voluto, sarei riuscita a raggiungerli e capire di cosa stessero discutendo.
Bella, non fare cazzate, ti è andata bene una volta...
Il professore aveva chiaramente finto di non vedermi. Voleva proteggermi?
O voleva che lo seguissi?
Le gambe si mossero prima del mio pensiero, accorciando le distanze che mi separavano dal professore e dalla sua misteriosa accompagnatrice.

«Ne ho fatti fuori due stanotte. Si erano spinti fino al campo di quidditch di loro spontanea iniziativa» spiegò la ragazza al professore.
«Non è da loro comportarsi in questo modo. Finora non avevano mai violato le regole della scuola...» commentò Oscar Wilde, mentre una lunga ombra nera appesantiva il suo cruccio, in un gioco di luci caravaggesco.
«C’è sempre una prima volta» tagliò corto lei. «Li conosco bene.»
Il cuore aveva iniziato a martellarmi così violentemente in petto, da farmi temere che lo potessero sentire.
«Controlliamo i dormitori» propose il professore. «Non dobbiamo correre rischi.»

Mi voltai e iniziai a correre senza respirare. I miei occhi si erano abituati alla luce delle loro bacchette, e riuscire a tornare al bagno maschile si rivelò impossibile.
Era la svolta a destra?
Avevo completamente perso l’orientamento. Perché stavo fuggendo? Oscar Wilde era riuscito a vedermi. Cosa sarebbe successo se fossi tornata nel mio dormitorio? Cosa dovevano controllare?
Non riuscivo a levarmi dalla testa le parole della bionda.
Ne ho fatti fuori due...
Forse tornare nel mio dormitorio non era la mossa giusta.
Ma allora cosa posso...

Non riuscii a terminare il mio ragionamento, che qualcosa di morbido mi fece inciampare e cadere a terra. Ancora una volta, le mie ginocchia fermarono la caduta. Un numero infinito di aghi di dolore mi si conficcò nelle gambe, mozzandomi il fiato.
A terra mi girai, cercando di capire cosa mi avesse ostacolata.
Qualcuno doveva aver perso un fagotto in mezzo al corridoio.
Dove diavolo sono?
La luna, che fino a quel momento era rimasta nascosta da una fitta coltre di nubi nere, mi venne in soccorso, illuminando il corridoio dei bagni femminili.
Sono dalla parte opposta al mio dormitorio.
Guardai in basso. Il fagotto era più grande di quello che avevo percepito. Da una parte, la luce lunare aveva fatto scintillare la paglia che ne usciva.
Mi avvicinai, strisciando, quando misi la mano su qualcosa di appiccicoso.
«Cosa...»
Afferrai il sacco e lo girai verso di me.
Non riuscii a trattenere il grido che mi uscì dal petto.

Quello che avevo davanti non era un sacco. Era il cadavere di Marilyn Monroe.
E la mia amica, completamente sfregiata, mi sorrideva.
Qualcuno le aveva cavato gli occhi.

58 commenti:

  1. Questo pezzo mi è piaciuto un sacco. :)

    RispondiElimina
  2. un minuto di silenzio per la povera Marilyn.Anche se lontana da Edward IsaBrutta riesce a pensare solo al coito,e poi la fantasia perversa dell'olio e delle arance..mi fa capire molte cose.La situazione sta degenerando e ora più che mai vogliamo sapere che fine hanno fatto gli occhi di Marilyn.E la ragazza misteriosa?!Non sarà mica la "moldava" del comandante Schettino?!

    RispondiElimina
  3. -"Qualcuno le aveva cavato gli occhi." (Peccato,mi stava simpatica).Avvincente.
    -"Un gioco di luci caravaggesche" Per quel tocco di elevatezza culturale che fa la differenza.
    -Bella "silenziosa come un gatto". Ma quando mai???
    -Gargamella come custode della scuola: un ruolo assolutamente calzante.

    Ho riso meno rispetto agli episodi precedenti, ma resta comunque geniale. Continuate così!

    P.S. Ma Marilyn poi resuscita tra qualche puntata per svelare INASPETTATAMENTE a Bella che in realtà è sua figlia, venuta dal futuro in compagnia del cugino Marty Mcfly per avvertirla di un pericolo di morte che incombe sul suo amato e immortale Edward???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Suspance. Mi pare giusto.
      O magari la scia di omicidi è cominciata per la presenza di Jessica Fletcher, venuta a tenere una lezione speciale di difesa contro le arti oscure. Va bene l'abbozzo di farmi trasportare da fantasia, entusiasmo ed effetti collaterali da abuso di multivitaminico in periodo di esami.
      Ancora complimenti e...alla prossima!

      Elimina
    2. Jessica Fletcher come insegnante di divinazione sarebbe una figata non indifferente...

      Elimina
  4. Oh, no, non cominciate anche voi con i titoli dei capitoli alla Dragonball, dove il finale di ogni episodio viene puntualmente spoilerato nel suo titolo! D:

    Trovo comunque molto carina la vicenda. Forse assomiglia un pochino a molte cross-over tra il Potterverse e il Twilightverse, ma è scritta veramente bene ed è parecchio avvincente!

    Adesso può partire il toto-indovina-di-quali-creature-sta-parlando-la-misteriosa-accompagnatrice-di-Wilde? *.*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. parla dei puffi, t'la dis mì!!

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
  5. Woo! Che colpo di scenaaaaaaa!!
    Siete fantastici! INFINITA FANTASIAA! =)
    Vanessa.

    RispondiElimina
  6. Ora questo post avrà migliaia di visite perchè lo ha twittato willwoosh.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh...vabè. Almeno ha twittato qualcosa di fantastico.

      Elimina
    2. E' il vantaggio della notorietà. Ma va bene, è uno che se l'è conquistata, è simpatico e brillante. Ricordiamo comunque a tutti che c'è un'altra mente geniale dietro questa saga, si chiama Alessia!

      Elimina
  7. Siete stupendi. Grandi idee da grandi cervelli, lo ripeto.

    RispondiElimina
  8. SposoWillwoosh20 gennaio 2012 19:12

    Tagliali i baffi mi raccomando. u_u Bellissima idea questa. u_u

    RispondiElimina
  9. complimenti! non mi facevo viaggi del genere da almeno una decina d'anni! beati voi! e grazie :D

    RispondiElimina
  10. No adesso mi sto appassionando,maledetti >.<

    RispondiElimina
  11. moonlightalchemist20 gennaio 2012 19:26

    la simbologia è chiara....marilyn è chiaramente un riferimento a megaupload!! XD

    RispondiElimina
  12. Geniale!
    Un po' macabro, con quelli che cavano gli occhi a Marilyn... ma ho AMATO la parte del sogno come amo solo la pace che si prova nel grattarsi l'infrachiappa!

    RispondiElimina
  13. "A piedi nudi calpestai una pozza di piscio, il cui olezzo mi impregnò le narici, accompagnandomi fino al gelido labirinto dei sotterranei del castello."
    ma io dico... come vi vengono? ahahahah fantastici!
    e complimenti per i disegni che ci sono ogni volta ad inizio capitoli, li fate voi? sono molto belli :)
    complimenti!

    RispondiElimina
  14. Boh, ho aspettato di leggere un po' per vedere se mi prendeva la storia ma no, peccato perché la premessa di Bella come una Mary Sue (cosa che è anche nel suo libro, se è possibile) era proprio azzeccata... Ma mi sembra tutto troppo un grosso minestrone adesso. XD

    RispondiElimina
  15. Vi prego, non fateci aspettare troppo per il 5!!:D

    RispondiElimina
  16. ma poi raccogliete tutti i capitoli e ci fate un libro...VERO???????????!!!!

    RispondiElimina
  17. Secondo me la tipa insieme a Oscar Wilde era Avril Lavigne! Povera Bella, Marilyn era la sua unica amica...che triste fine.

    RispondiElimina
  18. alessia e guglielmo siete davvero grandi!!!:)
    e va bè nn faccio domande và
    denny

    RispondiElimina
  19. bellissimo come gli altri capitoli... ma la fine un po inquietante...

    RispondiElimina
  20. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Noooo Marilyn!!! DD:
      Peccato, mi era simpatica. Aspetto con ansia il prossimo *-*

      Elimina
  21. Erano da sbellicarsi i capitoli precedenti, ma sono felice che adesso sviluppiate una vera e propria trama :)

    RispondiElimina
  22. Ahaha!!! E' pazzesco: è proprio lo stile della Meyer! Come fate? Beh, non vedo l'ora di leggere il prossimo capitolo xD ma CHI fa i disegni?! Sono fantastici!

    RispondiElimina
  23. "Eravamo sdraiati su un prato. Il sole stava tostando le mie palpebre chiuse, schiarendo i baffetti che mi sarei tolta con le pinzette una volta tornata a casa da Charlie."

    Capite bene che se cominciate così i capitoli, finisce che chi vi legge sta 50 minuti a ridere solo per una frase e per finire il capitolo si deve prendere 3 giorni di ferie!
    Grandiosi, come sempre!

    RispondiElimina
  24. Oddio, finale un po' macabro. Quando ho finito di leggere avevo questa faccia :O
    E comunque gli omicidi misteriosi mi hanno sempre affascinato, ma adesso mi sale spontanea una domanda: alla fine del capitolo precedente Marilyn avevo detto di aver trovato qualcosa di utile per Bella, qualcosa che probabilmente ha causato la sua morte. Cosa sarà mai? Qualcosa di illegale? Spero di saperlo nel prossimo capitolo!!
    Avvincente, continuate così!

    RispondiElimina
  25. Che dire? Un adorabile nonsense che si sta trasformando in qualcosa di più concreto!
    Grandi Gù & Alessia! :D

    Mi fate ridere come non mai, e la vostra abilità di scrittura/disegno è magistrale! :D
    Continuate così!

    RispondiElimina
  26. Macabro, ci piace!
    E la cosa orribile è che mentre leggo mi immagino Guglielmo che legge ad alta voce mentre Alessia sta tutta impegnata con i disegni!
    'Oscar Wilde' comunque è classe allo stato puro ahahah.
    E la biondina metallara chi è, Taylor Momsen?

    RispondiElimina
  27. Oltre ad essere simpaticissima ora sta anche diventando una storia appassionante!! Siete spettacolari!! spero di leggere il prossimo capitolo al più presto ;)

    RispondiElimina
  28. ma il blumele non era quello di tonio cartonio?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco dove l'avevo già sentito!! tonio cartonio, l'allievo preferito di renato zero a hogwarts!!! che spacciava coca e mentine ai suoi amici del fantabosco, il secondo nome della foresta proibita!!!!

      Elimina
  29. molto bello ma il meglio secondo me è il numero 3...
    complimenti a chi ha fatto i disegni!!!
    x chiunque: willwoosh è su nonciclopedia!!

    RispondiElimina
  30. il commento mi si è pubblicato da solo...cosa vuol dire?
    comunque i disegni sono proprio uguali alle 4 espressioni che fa bella nel film!

    RispondiElimina
  31. Hahaha bello anche questo, forse più avvincente perchè macabro :)

    RispondiElimina
  32. fantastico, continuate così! :)

    RispondiElimina
  33. La faccenda si fa sempre più avvincente. :3 Attendo con ansia il prossimo capitolo. (pure fucking genius. *w*)

    RispondiElimina
  34. davvero fantastico, come pure gli altri, andate avanti così che sono stupendi!! =D

    RispondiElimina
  35. siete magnifici!!! :D ho letto tutto d'un fiato tutti ji episodi e i capitoli xD bellissimiii!!

    RispondiElimina
  36. siete dei geniiii troppo bravi fantastico... ahahahahah fa morire.... povera marilyn D: xD alla prossimaaa!!!!!

    RispondiElimina
  37. quando esce il capitolo 5.?? :) siete bravissimi!!!

    RispondiElimina
  38. Quanto manca per il prossimo ? >.< la mi classe sta attendendo XD

    RispondiElimina
  39. ahahahah.... però povera marilyn, che fine atroce.... comunque molto da twilight.... complimente aspetto intrepidamente il 5

    RispondiElimina
  40. fantastico questo testo anche se sono molto addolorato per marilyn lo trovo molto divertente e geniale

    RispondiElimina
  41. Ehiii... Ma il nuovo capitolo??

    RispondiElimina
  42. Beh, ma 'sto quinto capitolo?! Non siamo mica in America che tra una puntata e l'altra si aspetta anche un mese. Noi siamo in Italia, e gli italiani sono impazienti! :P
    Bibì.

    RispondiElimina
  43. A quando il prossimo =D??

    RispondiElimina
  44. Puntata dai toni horror! Aspetto la prossima, l'idea mi piace moltissimo, è scorrevole, ilare e leggerissimamente "grezzo"!

    RispondiElimina
  45. Hahahahahaha, Guglielmo ti prego dacci il 5 capitoo XDDDD

    RispondiElimina
  46. Vogliamo il 5! Vogliamo il 5! Vogliamo il 5! Vogliamo il 5! Vogliamo il 5! Vogliamo il 5!

    RispondiElimina